WeWrite

La rivista che ti ascolta

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

    Cookie Policy

    Leggi ulteriori informazioni sulla e-Privacy Directive

Home Lifestyle Come dormire bene: suggerimenti per favorire il sonno

Come dormire bene: suggerimenti per favorire il sonno

E-mail Stampa PDF
(2 voti, media 5.00 di 5)

Dormire bene: suggerimenti per favorire il sonnoI disturbi del sonno sono un problema che affligge un numero sempre crescente di persone, di qualsiasi età. Accanto a problematiche più o meno serie, per cui è consigliabile chiedere consiglio a uno specialista, ci sono malesseri legati al sonno che affondano le loro radici in stress e ansia, e che possono essere ridotti con piccoli accorgimenti.


In pochi sapranno, probabilmente, che a dormire bene si inizia dal cibo.

Come prima cosa, è buona abitudine far passare almeno due ore fra il pasto e il momento del riposo, per non causare problemi al processo digestivo. Un bicchiere di latte caldo, dolcificato con del miele, o una tisana, possono aiutare a ridurre l’acidità gastrica, disturbo generato in particolar modo da cibi molto grassi o fritti, accompagnati magari da bevande alcoliche o eccitanti (come tè, caffè, bibite con alto tasso di zuccheri).

Oltre a quelli appena elencati, è bene evitare gli alimenti ricchi di sodio, come patatine (fritte o in busta), salatini di vario tipo, dado da brodo, spezie come paprika e curry, e in generale i cibi in scatola.

È preferibile, invece, consumare pasta , pane, riso, orzo, legumi, carne (in particolare tacchino), pesce, formaggi freschi ( in particolare ricotta e tofu), e tutti gli altri alimenti che favoriscono la sintesi della serotonina. Noto come “l’ormone della felicità”, la serotonina è un neurotrasmettitore impegnato in numerosi processi, fra cui anche quello digestivo.

Da non dimenticare anche i prodotti dell’orto, come lattuga, radicchio rosso, cavoli, rape;  mentre fra i frutti sono da preferire banane e ananas.

Importante quanto sottovalutato è il luogo in cui si dorme: un letto comodo in una stanza ben arieggiata, magari con delle candele profumate alla lavanda. Questa infatti ha la grandi proprietà rilassanti e ansiolitiche, adattissime per calmare il corpo e la mente.

Rilevante anche non avere nelle vicinanze del letto oggetti che possono richiamare alla mente le nostre preoccupazioni (libri se siete studenti alle prese con un esame ostico, scartoffie di vario tipo se state organizzando un’ importante riunione in ufficio).

Neanche la televisione è amica del buon sonno: addormentarsi con il rumore della tv in sottofondo impedisce al sistema nervoso di rilassarsi completamente, e quindi basterà un minimo rumore per svegliarvi. Divani e poltrone, inoltre, non permettono al corpo di rilassarsi correttamente, ma anzi possono provocare mal di schiena o torcicollo, e a lungo andare anche problemi alla circolazione.

Dormire bene ha importanti conseguenze sul modo in cui mangiamo, sul nostro umore, e sul nostro corpo in generale. Seguite questi consigli, e vi garantiamo che noterete dei miglioramenti nel vostro modo di dormire.

Mariafrancesca Guadalupi

WeWrite, anno III, n.12, dicembre 2012