WeWrite

La rivista che ti ascolta

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

    Cookie Policy

    Leggi ulteriori informazioni sulla e-Privacy Directive

Home Società Energie Rinnovabili Energie rinnovabili, le biomasse: classificazione, vantaggi, principali impieghi

Energie rinnovabili, le biomasse: classificazione, vantaggi, principali impieghi

E-mail Stampa PDF
(3 voti, media 5.00 di 5)

Biomasse - energie rinnovabiliQuando si pensa alle energie rinnovabili, il pensiero corre agli impianti fotovoltaici e a quelli eolici. Eppure ci sono altre fonti di energia pulita che rappresentano una valida alternativa ai combustibili fossili. Si tratta delle biomasse, che a seconda del criterio adottato possono classificarsi in  fitomasse (provenienti da piante), zoomasse (provenienti da animali), microbiche (provenienti da microorganismi), oppure in biomasse viventi (costituite da elementi viventi) o biomasse morte (costituita da elementi morti). Un ulteriore criterio le distingue in base al contenuto d’acqua.

In termini più generali, con biomassa si intende ogni sostanza di origine animale o vegetale da cui è possibile ottenere energia grazie a un processo biochimico o termochimico.

Tra i principali vantaggi dell’utilizzo delle biomasse si annovera un rilascio ridotto di anidride carbonica, un alto tasso di biodegradabilità, la mancanza nei fumi di ossidi di azoto e di particolato. Un ulteriore vantaggio è di tipo sociale e consiste nello sviluppo di zone rurali economicamente più deboli, che possono beneficiare di un settore produttivo potenzialmente ad alto impatto economico nel medio-lungo periodo.

La tecnologia per l’uso delle biomasse non è però ancora scevra da svantaggi e difetti, i principali dei quali sono la discontinuità della produzione, il largo uso di fertilizzanti necessario alla produzione e la dipendenza dalle condizioni meteo per poterle sfruttare appieno. La bassa densità energetica, inoltre, richiede vaste aree da adibire alla produzione di energia.

I principali impieghi delle biomasse sono di tre tipi:

1) Produzione di energia elettrica e termica.

2) Produzione di combustibili, come i biocarburanti e i biocombustibili, da quelli solidi (es.: pellets) a quelli liquidi (es: bioetanolo e biodiesel) e gassosi, a quelli gassosi (es.: biometano e biogas).

3) Produzione di composti chimici.

Di particolare interesse infine sono i biomateriali per l’industria edilizia e abitativa, come il biomattone.


Ivan Libero Lino

WeWrite, anno III, n.8, agosto 2012