WeWrite

La rivista che ti ascolta

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

    Cookie Policy

    Leggi ulteriori informazioni sulla e-Privacy Directive

Libri

Tom McCarthy: Dejà Vu - Recensione

E-mail Stampa PDF
(10 voti, media 4.80 di 5)

Tom McCarthy - Deja vuChe cos'è la memoria? Soltanto un'immagine residua di esperienze più o meno vivide del nostro passato, o qualcosa di più? Può forse racchiudere la nostra essenza più segreta, essere la ragione del nostro agire successivo, il generatore della nostra fiducia (o sfiducia) nel futuro?

E dove potrebbe risiedere, se non nella memoria stessa, tutta la nostra autenticità? Partendo da questi interrogativi, Tom McCarthy (inglese, trent'anni) si lancia nell'ardito progetto del suo acclamato romanzo d'esordio, Remainder (letteralmente "rimasuglio"), tradotto un po' più forzatamente in Italia come Déjà vu (ISBN Edizioni, 2007): un romanzo che sfida ogni schema e ogni bizzarria contenutistica, e che certamente non si presenta in veste di cauto tentativo di far conoscere il proprio autore con una vicenda convenzionale o innocua.

Leggi tutto...
 


Pagina 6 di 6