WeWrite

La rivista che ti ascolta

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

    Cookie Policy

    Leggi ulteriori informazioni sulla e-Privacy Directive

Home Città Mostra di Picasso al Palazzo Reale di Milano: sezione didattica Occhi vigili come fiori che di continuo si volgono al sole

Mostra di Picasso al Palazzo Reale di Milano: sezione didattica Occhi vigili come fiori che di continuo si volgono al sole

E-mail Stampa PDF
(3 voti, media 5.00 di 5)

Picasso - Mostra di Milano e didatticaUn grande boom di visitatori si registra sempre allorchè vengono organizzate mostre che si ispirano ad artisti di fama mondiale, un vero e proprio bussines di straordinarie dimensioni, che esula dal semplice intento di divulgazione culturale. Ciò che risulta apprezzabile sono gli originali laboratori didattici allestiti per le scolaresche delle scuole, soprattutto primarie, allo scopo di rendere facilmente fruibili alcuni dei complessi significati sottesi alle opere dell'artista che si intende far conoscere. Occhi vigili come fiori che di continuo si volgono al sole è il titolo dato alla sezione didattica annessa alla mostra di Picasso, al Palazzo Reale di Milano, Capolavori del Museo Nazionale di Parigi, sulla base di una citazione tratta da una metafora usata da Apollinaire.

Dopo una presentazione offerta gratuitamente agli insegnanti che ne fanno richiesta, i bambini vengono accolti in uno spazio collaterale a quello che ospita la produzione artistica del genio spagnolo. Tramite sapienti accorgimenti, si forniscono ai medesimi suggestioni diversificate: suoni melodiosi, parole tratte da citazioni o dall'autobiografia, sensazioni visive, olfattive e tattili che attengono ai materiali o agli attrezzi utilizzati per l'espressione creativa. Tutto questo per favorire un approccio naturale e più consapevole all'arte pittorica che si vuol fare accostare.

Ne scaturisce una divertita curiosità, che sprona ad aprirsi alla conoscenza e all'appropriazione di fondamentali chiavi di lettura con cui accedere al fantastico mondo dell'arte. Segue poi la visita libera alla sezione espositiva, con un libretto consegnato a ciascuno, nel quale, sinteticamente, si illustrano alcune tele, in maniera apparentemente sibillina, per suggerrire una sorta di stuzzicante caccia al "dipinto" .

La vicesindaco e assessore all'educazione e istruzione del Comune di Milano, Maria Grazia Guida, nel presentare le attività rivolte alle Scuole, ha affermato:

«Penso che in una città che cambia e si apre alla pluralità delle sue presenze e delle sue differenze, l'educare alla bellezza possa rappresentare un punto importante di incontro per sognare un futuro più bello».

Giuseppina Serafino

WeWrite, anno III, n.11, novembre 2012