WeWrite

La rivista che ti ascolta

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

    Cookie Policy

    Leggi ulteriori informazioni sulla e-Privacy Directive

Home

Il reato di essere un uomo

E-mail Stampa PDF
(0 voti, media 0 di 5)

"L’uomo era concepito senza il suo consenso,veniva introdotto piangente in un universo alieno, con la sentenza già scritta nel palmo della sua mano impotente: un cancro gli divorerà l’intestino; un fanatico armato di una scure gli taglierà la testa; una tigre, fuggita da un circo di paese, lo divorerà; Uno stupido ubriaco lo falcerà con l’automobile; vivrà sorridente e loquace, finché uno zelante  idiota non lascerà cadere una bomba all’idrogeno nel giardino di casa sua".

"La Nuova Babele" di Morris West.

All’età di sei/sette anni, molti anni fa,  frequentavo le lezioni di catechismo. Un padre francescano mi insegnò che Dio creò l’uomo a propria immagine e somiglianza.

Essere un uomo è un reato, come sostiene Morris West, o è un dono di Dio?


Zolin