Messaggio

Sakura

Ivan Libero Lino
Stampa
(4 voti, media 5.00 di 5)
Share

Shizuka tornò con un messaggio sotto il kimono. Teneva la lettera stretta nella mano destra, ma per farsi leggere i kanji dovette chiedere l’aiuto del nobile Kazuo. Lo shogun era ancora distante e forse era per questo che i contadini mettevano da parte il raccolto e i bambini correvano liberi nei campi.
Quando lo shogun sarebbe arrivato, qualcuno avrebbe dovuto far saltare il ponte, sventolare il vessillo, lanciare l’attacco, morire con onore. Guardando i petali rosa del ciliegio vicino al ruscello, non potei non pensare a Sakura, alle sue gambe pallide come le cime del monte Fuji e ai suoi occhi sinceri come l’ultimo haiku di Bashō. Non l’avrei mai vista crescere.

Ivan Libero Lino

WeWrite, anno I, n. 8, settembre 2010