WeWrite

La rivista che ti ascolta

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

    Cookie Policy

    Leggi ulteriori informazioni sulla e-Privacy Directive

Home Sport Olimpiadi di Londra 2012: evento sportivo, innovazione tecnologica e kermesse culturale

Olimpiadi di Londra 2012: evento sportivo, innovazione tecnologica e kermesse culturale

E-mail Stampa PDF
(6 voti, media 5.00 di 5)

Olimpiadi di Londra 2012Fra poche settimane Londra ospiterà per la terza volta dal 1900 ad oggi le Olimpiadi, aggiudicandosi così il primato di città in cui si sono svolte il maggior numero di edizioni nell’epoca moderna. Le precedenti edizioni furono quella del 1908 in cui per la prima volta gli atleti sfilarono per la prima volta sotto la bandiera del proprio Paese, e quella del 1948, che sancì il ritorno alla normalità nella vita sportiva dopo l’orrore e la devastazione del secondo conflitto mondiale. Anche questa edizione ricorre in un anno particolare, si festeggeranno infatti i sessant’anni di regno della Regina Elisabetta II.
La manifestazione prenderà il via ufficialmente il 27 luglio e proseguirà fino al 12 agosto 2012. La cerimonia inaugurale si terrà nel nuovo Stadio Olimpico di Londra, il terzo più grande del paese, dopo Wembley e Twickenham. La città si è ovviamente preparata per l’occasione, costruendo splendide strutture e investendo più di nove miliardi di sterline. Al loro arrivo, infatti, atleti e visitatori troveranno un quartiere interamente nuovo attorno al Parco olimpico, nella zona est della città. Tuttavia gli enti coinvolti si sono impegnati nell’applicare metodi di progettazione e costruzione innovativi che utilizzassero tecnologie a basse emissioni di CO2 per fare di Londra 2012 le prime vere Olimpiadi sostenibili. Inoltre per rimarcare l’impegno green è stata predisposta e organizzata una flotta di taxi a idrogeno, che saranno in grado di percorrere oltre 400 km con un pieno e di accompagnare turisti in giro per le location coinvolte.

La trentesima edizione dei Giochi Olimpici si preannuncia quindi all’insegna dell’innovazione tecnologica come dimostrano anche le speciali app per tutti i mobile device, disponibili gratuitamente al link: http://www.london2012.com/mobileapps/. Si tratta naturalmente soltanto di uno dei modi attraverso cui tutti gli appassionati potranno seguire l’evento. Il Comitato olimpico non ha certo trascurato gli altri canali, a partire dal sito ufficiale (http://www.london2012.com), passando per social networkse game e concludendo con l’Olympic Athlete’s Hub (http://hub.olympic.org).

Parallelamente all’evento sportivo è stata poi organizzata una kermesse culturale, chiamata semplicemente London 2012 Festival, che avrà inizio il 21 giugno e terminerà il 9 settembre, in concomitanza della chiusura dei Giochi Paraolimpici.  L’iniziativa si compone di un programma estremamente vasto, di circa un migliaio di eventi, che spaziano dalla cinematografia, alla danza, passando per mostre di arti figurative e performance teatrali. Chi volesse conoscere i dettagli del programma può consultare: http://festival.london2012.com/.

Il progetto legato a questo festival è nato nel 2008 e ha visto finora partecipare alla sua realizzazione 16 milioni di persone provenienti da tutto il mondo.

La vastità di questo festival lo rende a tutti gli effetti una sorta di Olimpiade culturale, che vuole ispirare le future generazioni proprio come i Giochi Olimpici hanno fatto sinora nel mondo dello sport. Non può quindi essere considerato un semplice caso che lo slogan ufficiale di Londra 2012 sia Inspire a generation. I presupposti sembrano esserci tutti, non resta che attendere e assistere allo spettacolo.

Delia Peccetti

WeWrite, anno III, n.6, giugno 2012