WeWrite

La rivista che ti ascolta

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

    Cookie Policy

    Leggi ulteriori informazioni sulla e-Privacy Directive

Home

Inquinamento dei mari e degli oceani: le isole di plastica

E-mail Stampa PDF
(7 voti, media 5.00 di 5)

Isole di plasticaNon tutti sono probabilmente al corrente dell’esistenza di vere proprie isole di plastica, accumulatasi nel corso degli ultimi decenni sulle superfici marine che ricoprono il nostro pianeta. La più ampia di esse si trova nell’Oceano Pacifico, ma anche il nostro Mar Mediterraneo non è purtroppo estraneo al fenomeno. Gli oceani ricoprono il 71% del globo terrestre e contengono oltre il 95% dell’acqua presente sul nostro Pianeta. Spesso è facile dimenticare come l’acqua sia stata fonte della vita stessa e come essa sia indispensabile per la nostra sopravvivenza e per quella di ogni essere vivente.




Eppure l’abitudine al consumo smodato e all’utilizzo di prodotti usa-e-getta, o dalla vita considerevolmente breve, legata ad un loro scorretto smaltimento, provoca l’accumulo degli stessi nei più vasti mari del nostro pianeta, che vengono così purtroppo deturpati ed inquinati. I rifiuti vengono trasportati da alcune correnti convergenti, che, da diversi punti del globo, riescono a spingerli verso un unico luogo, favorendo la formazione di vere e proprie isole di immondizia.

Il più grande degli oceani, il Pacifico, si è così trasformato in una vera e propria discarica a cielo aperto. La più estesa isola di plastica presente sulla sua superficie si troverebbe non lontano dalle isole Hawaii, al centro del punto di convergenza di correnti marine provenienti soprattutto da Stati Uniti e Russia. La superficie dell’isola non è ancora stata stimata con precisione, ma le cifre più catastrofiche parlano di un’estensione in grado di raggiungere i 15 milioni di chilometri quadrati.

I rifiuti che contribuiscono a formare nuovi sgraditi arcipelaghi giungono in mare trasportati dai fiumi lungo i quali sono stati depositati o vengono verosimilmente abbandonati in acqua dalle imbarcazioni. Tra le isole di plastica del pianeta si trovano purtroppo oggetti di ogni sorta: sacchetti di plastica, palloni, giocattoli per bambini, accendini, imballaggi di vario tipo, bottigliette e flaconi. La presenza delle stesse è stata documentata da vere e proprie spedizioni fotografiche di ricognizione, volte a mostrare quanto la nostra Terra possa dimostrarsi fragile di fronte all’incuria umana.

La plastica, sotto l’azione dei raggi solari, rilascia sostanze dannose per la fauna marina ed in grado di inquinare irrimediabilmente le acque. Le materie plastiche più comuni, non biodegradabili ed interamente derivate dal petrolio, sono una delle maggiori fonti di inquinamento dei giorni nostri, tanto che, tenendo in alta considerazione i rischi per la salute ed ambientali derivati dalla loro produzione e dal loro difficile smaltimento, gli Emirati Arabi ed alcuni Paesi dell’Africa Orientale stanno vagliando disegni di legge volti a bandire totalmente la fabbricazione, l’utilizzo e lo smercio di oggetti ed imballaggi in plastica non biodegradabile.

Il problema dell’accumulo di plastica interessa purtroppo anche il vicino Mediterraneo. La quantità di rifiuti presente sulla superficie del Mare Nostrum, in particolare tra l’Italia, la Francia e Spagna, raggiungerebbe le 500 tonnellate. Buste per la spesa, frammenti di plastica dalle provenienze più svariate e mozziconi di sigaretta causano ogni anno la morte per soffocamento di centinaia di volatili marini. A rischio, naturalmente, anche pesci, tartarughe e mammiferi acquatici.

Di fronte a dati tanto sconcertanti, non può che rendersi necessaria una riflessione sulla dipendenza mondiale dalla plastica, e dunque dal petrolio da cui essa deriva, e sulla necessità di controllare con maggiore attenzione il destino delle tonnellate di rifiuti abbandonati ogni anno più o meno accidentalmente lungo i corsi d’acqua o direttamente in mare. Isole di plastica di dimensioni così immani non possono purtroppo che essere considerate uno dei segni più tangibili della nostra inciviltà ed incapacità di rispettare l’ambiente in cui viviamo, che costituirà la nostra eredità per le generazioni future.

Marta Albè

WeWrite, anno III, n. 3, marzo 2012

 
Scritto il 06 Dicembre 2010, 14.37 da Maria Anna Filosa
napoli-un-eco-no-uneco-siGiungla, asfalto e rifiuti – Il rischio igienico-sanitario provocato dall’enorme mole di rifiuti riversi in strada non...
Scritto il 07 Maggio 2011, 10.21 da Daniele Atzori
primavera-araba-egittoDalla fine di gennaio, l’Egitto ha conosciuto una serie di rivolte popolari che sono culminate l’11 febbraio con la...
Scritto il 03 Luglio 2010, 13.05 da Olivier Gasperoni
il-lavoro-secondo-tirocinio-a-destraUniversità e mondo del lavoro rappresentano i due termini inscindibili di un binomio che caratterizza la crescita e la...
Scritto il 05 Giugno 2011, 10.07 da Sara Sirtori
la-sfida-delle-cento-cose«Il valore di un uomo si misura dalle poche cose che crea, non dai molti beni che accumula». (Kahlil Gibran). Tutto...

Guarda le foto della community di WeWrite

New-York-Th...
Scritto il 06 Gennaio 2012, 12.50 da Ivan Libero Lino
crowdfunding-in-italia-finanziamenti-progetti-possibilitaFino a qualche anno fa, se avevi un’idea ma non il capitale per realizzarla, non rimaneva che depositare il sogno nel...
Scritto il 18 Marzo 2011, 11.46 da Laura Póvoa Tintori
bookcrossing-cose-come-si-fa-le-zoneTi siedi su una panchina, accanto a te c’è un libro abbandonato. Non c’è nessuno. Due reazioni: curiosità o indifferenza. Se...
Scritto il 17 Febbraio 2011, 08.15 da Evelina Guerreschi
coco-chanel-un-lungo-anelito-alla-liberta«Ad appena vent’anni ho fondato una casa di moda. Non fu una creazione di un’artista né quella di una donna d’affari, ...
Scritto il 30 Agosto 2010, 19.49 da Michela Maffei
giuseppina-la-mia-storiaSe questo è un uomo – Se fossi un uomo, mi vergognerei. Poi dicono: «Sei un cane». Io ti domando: «Sei un uomo»?Mi chiamo...
Scritto il 04 Aprile 2011, 08.51 da Ivan Libero Lino
festival-internazionale-del-giornalismo-quinta-edizione-perugiaDal 13 al 17 aprile Perugia ospita la quinta edizione del Festival Internazionale del Giornalismo. La manifestazione, nata...

Come sarebbe un mondo senz'acqua?

Acqua - Ivan Libero Lino