WeWrite

La rivista che ti ascolta

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

    Cookie Policy

    Leggi ulteriori informazioni sulla e-Privacy Directive

Home

Il tempo che vorrei di Fabio Volo - recensione

E-mail Stampa PDF
(3 voti, media 5.00 di 5)

Il tempo che vorrei - di Fabio Volo (copertina del libro)Recensire un libro di Fabio Volo è meno semplice di quanto possa sembrare, essendo uno degli autori italiani più discussi degli ultimi anni. Tuttavia la maggior parte di coloro che ne hanno letto l’intera bibliografia sembra essere concorde nel ritenere Il tempo che vorrei (di Fabio Volo, Mondadori, 2009) l’opera che ne segna la maturità professionale.

L’evoluzione rispetto alle opere precedenti si denota già dall’argomento trattato che non è più soltanto il rapporto di coppia, bensì anche il rapporto padre- figlio.


Gli argomenti narrati in realtà sono molteplici, questo perché nel descrivere la vita di qualcuno non si possono isolarne i singoli componenti. Ecco dunque che anche la vita lavorativa del protagonista è strettamente correlata a quella affettiva e per questo costituisce parte integrante del romanzo.

Leit motiv – già sapientemente raccolto e sintetizzato nel titolo – é senza dubbio il rimpianto. Lorenzo, il protagonista, è infatti un uomo di circa quarant’anni che si trova a fare i conti con il proprio passato. Mette a fuoco quella che è stata la sua esperienza fino a quel giorno e capisce di voler provare a recuperare i due amori che più l’hanno messo in difficoltà: quello con il padre, che a causa delle difficoltà economiche e di un carattere introverso, è stato poco presente e quello con la sua ex compagna, che se n'è andata e sta per sposarsi con un altro.

Da questa presa di coscienza parte il viaggio di Lorenzo alla ricerca di tutti i momenti persi, del tempo sprecato e delle occasioni mancate. Si tratta di un viaggio introspettivo che lo porterà a conoscere meglio se stesso e a comprendere le ragioni ed i comportamenti di chi gli è accanto. Sarà quindi un percorso di grande crescita volto a non ripetere gli stessi errori del passato.

Secondo alcuni questo romanzo presenta diversi aspetti autobiografici. Quel che è certo e palpabile anche per chi non conosce la vita dell’autore è il suo stile molto genuino. Fabio Volo è infatti estremamente abile nel descrivere la quotidianità in modo autentico, sincero quasi spassionato.

L’insieme di questi fattori e la tipologie di storie narrate fanno sì che il lettore si possa facilmente riconoscere, almeno in parte, nei personaggi. Leggendo questo romanzo in particolare ci si stupisce di quanto la vita di Lorenzo a tratti sia sovrapponibile con la nostra.

Il ritmo della narrazione è certamente molto scorrevole e coinvolgente. Si alternano sapientemente momenti di commozione e malinconia con aspetti di grande leggerezza e ironia, proprio come accade a ciascuno di noi quando ci si guarda indietro e come in un film (o in un libro, visto il nostro caso) si ripercorre la propria vita.

Delia Peccetti

WeWrite, anno IV, n.1, gennaio 2013

 
Scritto il 03 Luglio 2010, 13.28 da Federica Abozzi
il-valzer-universitario Come alla vigilia di una gara sportiva, dove è palpabile l’emozione dei partecipanti, anche gli studenti universitari e i...
Scritto il 29 Aprile 2010, 20.23 da Martina Ravasio
a-scuola-di-matrimonioPartner smarriti – Trovare un partner nell’era moderna è un percorso arduo e tortuoso, oltre a un altissimo dispendio di...
Scritto il 06 Giugno 2010, 19.41 da Ivan Libero Lino
polis-il-12-giugno-milano-mostra-un-altro-voltoSabato 12 giugno il Terzo Settore mostra un altro volto di Milano. In piazza Insubria, nel cuore del quartiere popolare...
Scritto il 10 Novembre 2011, 21.57 da Sara Sirtori
il-blackfriars-bridge-diventa-fotovoltaicoIl Blackfriars Bridge, storico ponte della Londra vittoriana, evoca subito alla mente le immagini di una Londra fumosa e...

Guarda le foto della community di WeWrite

tacheles
Scritto il 30 Agosto 2010, 20.17 da Olivier Gasperoni
scuola-di-gommeSe vi dovesse capitare di viaggiare tra Gerusalemme e Gerico non potreste fare a meno di notarla: è la scuola di gomme, un...
Scritto il 30 Agosto 2010, 19.49 da Michela Maffei
giuseppina-la-mia-storiaSe questo è un uomo – Se fossi un uomo, mi vergognerei. Poi dicono: «Sei un cane». Io ti domando: «Sei un uomo»?Mi chiamo...
Scritto il 29 Aprile 2010, 20.47 da Olivier Gasperoni
mobilita-sostenibile-qualcosa-si-muove«E pur si muove», come fece dire nel Settecento il giornalista Giuseppe Baretti al ben più celebre Galileo Galilei, nella...
Scritto il 18 Marzo 2011, 11.54 da Francesco Messina
libri-customer-parade-una-classifica-semi-seriaLeggo ovunque che gli italiani non leggono. O meglio, per il Censis (dati 2009) solo il 56,5% considera la lettura...
Scritto il 17 Febbraio 2011, 08.15 da Evelina Guerreschi
coco-chanel-un-lungo-anelito-alla-liberta«Ad appena vent’anni ho fondato una casa di moda. Non fu una creazione di un’artista né quella di una donna d’affari, ...

Come sarebbe un mondo senz'acqua?

Acqua - Ivan Libero Lino