WeWrite

La rivista che ti ascolta

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

    Cookie Policy

    Leggi ulteriori informazioni sulla e-Privacy Directive

Home Recensioni Cinema Innamorarsi a Natale

Innamorarsi a Natale

E-mail Stampa PDF
(5 voti, media 5.00 di 5)

Biscotti di NataleEsiste la possibilità di godersi la magica atmosfera natalizia londinese comodamente raggomitolati sul divano di casa, da soli, oppure, ancora meglio, in compagnia. Magari con qualche dolcetto e una bella tazza colorata, ricolma di tè fumante, proprio come quelle che spesso si vedono nei film, strette tra le mani di personaggi sia maschili che femminili, intenti a ricercare un po’di tepore in una gelida serata invernale. Per seguire la tradizione alla lettera, se vi sentite British inside, perché non allietare i giorni che precedono il Natale preparando deliziosi biscotti da regalare agli amici o alla persona che volete conquistare? Confezionandoli in una scatola di latta natalizia, guarnita da un bel fiocco rosso, farete di certo un figurone.

L’amore per davvero − Prima di tutto smettete di credere che storie d’amore meravigliose esistano soltanto nei film. Persino guardando un film possiamo infatti essere spettatori di relazioni complicate, che non sempre si chiudono con un lieto fine. Il lieto fine è spesso determinato dalle scelte degli stessi protagonisti, così come avviene nella vita reale. La verità, probabilmente, è che esistono storie ricche di sfumature e che non sia giusto generalizzare o ragionare seguendo categorie troppo rigide da applicare a quella commedia variegata che è la nostra esistenza.

Un tentativo lo fa per noi Richard Curtis, regista e sceneggiatore di Love Actually, pellicola ambientata nella capitale britannica, dove, nel corso delle cinque settimane che precedono il Natale, si intrecciano dieci storie d’amore, apparentemente parallele e del tutto dissimili, ma legate tra loro da una miriade di fili invisibili.

Share the love − Il Natale si avvicina e l’amore è dappertutto, come la colonna sonora del film, una commedia sentimentale mai banale e caratterizzata dalla tipica ironia pungente inglese, ci ricorda. Christmas is all Around (cover di Love is all Around), All I Want for Christmas e All you Need is Love ci invitano a riconsiderare l’importanza dei sentimenti in questo periodo particolare che ci conduce verso la fine dell’anno, in cui gli affetti sono al centro e i sentimenti scalpitano dentro di noi affinché vengano condivisi. Così ci capiterà di commuoverci e di ripensare al nostro primo innamoramento nel seguire dall’inizio alla fine una tra le storie più pure all’interno del film, quella di Sam, un ragazzino di undici anni convinto che una sua coetanea, che purtroppo ai trova in procinto di trasferirsi definitivamente negli Stati Uniti, sia l’unica ragazza esistente sul nostro pianeta adatta a lui, quell’anima gemella perfetta che ad ogni età si desidera ardentemente avere al proprio fianco.

Tè e conversazioni − Le conversazioni accompagnate da dolcetti e tazze di tè fanno scoccare la scintilla tra ben due delle coppie all’interno del film. Tali momenti di dialogo e di incontro aiutano infatti ad appianare le differenze di status sociale e a cancellare le barriere culturali sia tra David e Natalie − lui da poco eletto primo ministro, lei semplice tuttofare della sua nuova residenza − che tra Jamie, uno scrittore profondamente deluso dalla sua precedente relazione amorosa, e Aurélia, una domestica portoghese che si occupa del cottage nei pressi di Marsiglia dove Jamie ha deciso di immergersi nella scrittura, nel tentativo di fuggire dal proprio passato. Anche per quanto riguarda le restanti coppie, il film si focalizza sull’importanza della comunicazione come chiave della riuscita di una relazione ed analizza i risvolti negativi dell’assenza di dialogo al fine di rimarcare l’importanza della condivisione dei propri sentimenti con l’altro per non perdere un’occasione che potrebbe essere unica nella propria vita, sfruttando il Natale come pretesto per sottolineare il valore del dono di sé, della propria presenza, all’altro, tra lacrime, risate e comicità arguta, da gustare infondendo biscotti in una tazza di tè.

Marta Albè

WeWrite, anno I, n. 11, dicembre 2010