WeWrite

La rivista che ti ascolta

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

    Cookie Policy

    Leggi ulteriori informazioni sulla e-Privacy Directive

Home

Piattaforme tra la marea

E-mail Stampa PDF
(5 voti, media 4.60 di 5)

Dalla piattaforma si vedeva la costa ed era un po’ come sentirsi a casa. Quando il mare prese fuoco, lo fece con insolita cortesia.
L’esplosione fu così intensa da sembrare finta, artefatta come una trovata pubblicitaria, tanto che sul giornale del giorno dopo uno dei bagnanti dichiarò di aver pensato a fuochi artificiali. Il mare ingoiò petrolio per 666 giorni, forse i tonni pensarono a uno scherzo, il cibo avvelenato durò fino a quando il signor Dollaro tappò la falla con un siringone. Sulla mia bara deposero una bandiera colorata, sdrucita, grata, a titolo di indennizzo. Mia figlia porta ancora attaccata al grembiulino la medaglia con sopra la faccia triste del nostro Presidente.


Ivan Libero Lino