WeWrite

La rivista che ti ascolta

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

    Cookie Policy

    Leggi ulteriori informazioni sulla e-Privacy Directive

Home Recensioni Cinema Film d’azione: i più belli, i titoli imperdibili

Film d’azione: i più belli, i titoli imperdibili

E-mail Stampa PDF
(3 voti, media 5.00 di 5)

Film d'azioneÈ impegnativo individuare le migliori produzioni cinematografiche d’azione della storia del cinema, non perché non ce ne siano, non perché siano talmente troppe da non riuscire a farne una selezione, ma solo perché questo genere è tutt’altro che un genere di nicchia. Oggi ormai il cinema propone costantemente una serie di film che sono classificati col termine azione, ma che tendono a mescolarsi con il thriller, la fantascienza e l’avventura. Basta una sola sparatoria, un solo inseguimento, una banalissima esplosione e allora eccoci tra le mani un film d’azione.

Quindi, i titoli che troverete di seguito sono soltanto una piccola fetta della grande torta che è l’action-movie, o meglio, quei titoli imperdibili che assolutamente andrebbero visti, non solo perché cult, ma perché ci aiuteranno a definire sicuramente meglio un genere tanto grande quanto difficile da ridimensionare.

Anni Ottanta – sono gli anni di Ted Kotcheff alla regia di Rambo, il reduce del Vietnam interpretato da Sylvester Stallone in piena notorietà dopo aver rivestito con successo il ruolo di Rocky, nella famosa saga. Anche Rambo , del 1982, darà seguito ad altri film, quattro per l’esattezza, che renderanno Stallone un mito del cinema e uno dei migliori esponenti di questo genere. La storia è quella di un ex soldato arrestato ingiustamente e costretto alla fuga dalla polizia, determinata a catturarlo. Ma questi sono gli anni anche di un'altra nota epopea cinematografica, Arma letale, diretto da Richard Donner nel 1987 e che vede come protagonisti due poliziotti di Los Angeles, interpretati da Mel Gibson e Danny Glover. Questo film ha sicuramente tanta azione ma riesce perfettamente a coniugare la drammaticità e il divertimento in un mix decisamente perfetto, riuscendo ad essere un indiscusso pilastro per questo genere. Difficile poi non citare il famosissimo poliziotto John McClane, di Die Hard – trappola di cristallo, diretto da John McTiernan, già conosciuto per un altro successo, Predator. Il film è indubbiamente il più grande trampolino di lancio di Bruce Willis che, sino ad allora, non era riuscito a trovare notorietà nel mondo hollywoodiano. Il 2013 sarà l’anno della quinta impresa di Bruce Willis nei panni di McClane.

Keanu Reeves e Mission Impossible Point Break e Speed sono due dei film più famosi di Keanu Reeves che riuscì ad ottenere la sua definitiva consacrazione con la trilogia fantascientifica Matrix, dei fratelli Wachowsky. Spiaggie, Surf e rapine in banca sono i 3 principali ingredienti della ricetta Point Break, un film d’azione nel cui cast annoveravano, oltre che il già citato Reeves, anche il compianto Patrick Swayze (Ghost, Dirty Dancing).
Una domandina al volo: c'è una bomba su un autobus... una volta raggiunte le 50 miglia all'ora...la bomba viene innescata, e se torna sotto le 50...salta per aria...tu che cosa fai? Tu che cosa fai?!” in questa frase si riassume tutta la trama di Speed, in cui Reeves interpreta il poliziotto Jack Traven alle prese con un pazzo dinamitardo, l’attore Dennis Hopper, che ingaggia col poliziotto una sfida adrenalinica e mozzafiato, tanto che il film si rivelerà un grandissimo successo di incassi e di critica.
Il 1996 è l’anno di Mission Impossible, il primo film della saga che ancora oggi vede Tom Cruise protagonista e che lo vedrà ancora, probabilmente, nelle vesti dell’agente segreto Ethan Hunt nel quinto capitolo prodotto da J.J.Abrams. La saga prese ispirazione dall’omonima serie televisiva creata da Bruce Geller nel 1966 e che venne trasmessa anche in Italia col titolo Missione Impossibile.

Due facce di un assassino – Appena un anno dopo arriva nelle sale uno dei pilastri del cinema d’azione, Face Off, diretto da John Woo e interpretato da John Travolta e Nicolas Cage. La pellicola, nata da un’idea decisamente visionaria, ci regala tutto quello che il cinema d’azione abbia mai offerto e inaugura addirittura un nuovo genere d’azione, lo sparatutto, dove frenesia, adrenalina ed effetti speciali fanno da padrone. La trama si concentra su due personaggi: Sean Archer e Castor Troy, rispettivamente un poliziotto e un criminale. Dopo un ben riuscito intervento di chirurgia plastica i due assumono rispettivamente uno le sembianze dell’altro.

Il nuovo millennio – è come un gran pentolone con all’interno tanti generi cinematografici che, mescolandosi tra loro, si amalgamano sempre di più, producendo titoli come Kill Bill vol. 1 e 2 di Quentin Tarantino, Inception e la trilogia di Batman, questi ultimi entrambi diretti da Christopher Nolan. Oppure Iron Man o The Avengers, senza contare la trilogia fanta-action di Matrix, già citata in precedenza. Questi sono solo alcuni dei titoli coinvolti in quella che ormai è routine cinematografica e con la quale ho voluto aprire quest’articolo. Ma nonostante l’audace osservazione, Doug Liman raggiunge uno strepitoso successo con il primo capitolo della saga di Jason Bourne, The Bourne Identity, con protagonista un inatteso Matt Demon nei panni di un sicario super addestrato che non ricorda nulla del suo passato..da sicario.

Per concludere non si possono non citare gli ultimi 007, Casino Royale, Quantum of Solance e, l’ultimo uscito, Skyfall,, 23esimo capitolo della saga interpretato dal glaciale Daniel Craig che, ahimè, nulla ha potuto contro la classe e lo stile del primo James Bond, Sean Connery. Buona visione!

Luca Abozzi