WeWrite

La rivista che ti ascolta

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

    Cookie Policy

    Leggi ulteriori informazioni sulla e-Privacy Directive

Home Società Energie Rinnovabili Il venti per cento. Questa la soglia da raggiungere per essere “puliti”.

Il venti per cento. Questa la soglia da raggiungere per essere “puliti”.

E-mail Stampa PDF
(8 voti, media 5.00 di 5)

La percentuale si riferisce all'energia prodotta da fonti rinnovabili sul totale dei consumi finali. L'Europa ce la farà. Gli studi presentati prospettano un dato, a giugno, che si aggirerà intorno al venti e tre per cento, grazie agli sforzi profusi dagli stati membri, soprattutto quelli che hanno sfondato il loro target come Spagna e Austria. Non certo per merito dell'Italia che si attesta attorno un vergognoso sette per cento.

Ma l'Italia è in Europa, da sempre, o quasi, e quindi ce la faremo anche noi, seppur per interposta istituzione. Non basterà, questo è certo, per risolvere i problemi legati all'inquinamento che affliggono il pianeta, ma è comunque un inizio, almeno la sensibilizzazione e l'interesse sembrano aver iniziato un incremento che pare non si arresti. Anche perché rappresenterebbe l'avellersi dalla schiavitù rappresentata dagli idrocarburi, il che, anche economicamente parlando, non è certo poco, considerando il fatto che i paesi maggiori produttori di petrolio e affini non sono siti in Europa, che di contro però, rappresenta sicuramente uno dei maggiori consumatori di greggio. È chiaro perciò che gli interessi non siano solo quelli nobili e sani della salute e del pianeta e degli uomini, ma anche economici e politici.

Chist'è 'o paese d' 'o soleChe l'Italia goda di una posizione geografica invidiabile dal punto di vista del clima che ne deriva, è cosa nota. Tralasciamo l'ondata anomala di mal tempo che affligge lo stivale, come una rondine non fa primavera così un pinguino non fa inverno.

Il sole italiano è noto a livello continentale, tanto che l'Italia, così come gli altri paesi che non hanno raggiunto il target del venti per cento a onor del vero, sarà costretta a importare l'energia pulita che non riesce a produrre. I perché non si riesca sono davvero tanti, troppi per poter essere trattati in questa sede, occorrerebbe uno spazio ad hoc, ma è doveroso dire che questa, a mio modesto parere, è una vergogna vera, al giorno d'oggi, è come se non si prestasse cura alla propria dimora e, di fatto, tutti sappiamo che gli interessi di tutti i nostri politici, salvo rare eccezioni, esulano assolutamente dall'abitare un pianeta ecologicamente sostenibile. Dovremmo essere noi a condizionare i nostri governanti, invece avviene sistematicamente il contrario e la sostenibilità diventa e rimane solo economica.

Climagate, scandalo sul soleNon dimentichiamo, come solitamente accade per i fatti che importano davvero, il recente e clamoroso avvenimento che ha influenzato il vertice internazionale sul clima di Copenhagen e reso l'Europa teatro di un incontro oserei dire surriscaldato, l'attacco hacker che ha in parte svelato alcuni retroscena inquietanti sulla realtà del problema costituito dall'effetto serra e dall'eccessiva temperatura del pianeta. I ragazzi del Climatic Research Unit della University of East Anglia, una delle massime istituzioni in fatto di clima e surriscaldamento globale, si scambiavano e-mail non del tutto professionali e che svelavano non pochi retroscena clamorosi sulla gestione e sulla reale entità del problema, una volta in rete i carteggi virtuali, s'è potuto leggere e constatare in autonomia come si è stati presi in giro, per molti versi, su quanto concerne il sopracitato effetto serra. I giornali ne hanno parlato pochissimo, la televisione poco più di niente, la rete pullulava di veline elettroniche ed era scossa dal tam tam che riportava dettagli e descrizioni particolareggiatissime di tutto l'evento. Pare quindi che non sia chi è nella rete quello in trappola.

Siamo sinceri, la Terra non ha bisogno di noiEre glaciali, eruzioni, terremoti, movimenti tellurici da colossal hollywoodiano, niente, il pianeta non smette di girare e vivere. Sorrido quando sento che ci si deve adoperare per salvare il pianeta, la Terra se ne infischia di noi, ci spazza via come e quando vuole, aquilani e cileni lo sanno bene, non è lei ad avere bisogno di noi, siamo noi che non possiamo fare a meno di lei, questo concetto deve essere chiaro. Forse dovremmo prendere esempio, per certi versi, dal pianeta Terra e vivere anche noi in rivoluzione.

Sandro Galanti


WeWrite, anno I, n. 3, marzo 2010