WeWrite

La rivista che ti ascolta

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

    Cookie Policy

    Leggi ulteriori informazioni sulla e-Privacy Directive

Home

Mercatini di Natale: in Europa e in Italia la magia natalizia

E-mail Stampa PDF
(3 voti, media 5.00 di 5)

Mercatini di Natale in Europa e in ItaliaBancarelle colorate, suoni e sapori di tempi lontani e atmosfere fiabesche: i mercatini sono la gioia di grandi e piccini. La passerella consumistica cambia volto tra i banchi artigianali organizzati per l’occasione e l’armonia della festività assume un valore quasi d’incanto.



Tradizione europea – L’origine risale a sei secoli fa, tra la Germania e l'Alsazia: i mercati più celebri, tutt’oggi meta del romantico turismo pre natalizio, sono quelli di Norimberga e lo Striezelmarkt di Dresda (le prime notizie sono datate 1434).

Imperativo per i geniali artigiani era confezionare opere richiamanti la natività. Nonostante la curiosità dilagante attorno a queste passeggiate condite di deliziosi oggetti fatti a mano, l’appuntamento era riservato alle famiglie benestanti dell’epoca, per gli elevati costi d’acquisto. Con il passare degli anni le mostre artigiane catturarono l’attenzione oltre confine. Nel resto dell’Europa la diffusione è avvenuta verso la fine del secolo scorso, innescando un flusso turistico che ogni anno muove milioni di visitatori provenienti da ogni parte del mondo.

Italia Questa cornice si rintraccia, soprattutto, nei comuni tirolesi e in Trentino, più vicini alla tradizione nordica: il più importante mercatino di Natale italiano, a Bolzano, è nato negli anni Novanta. Se lo spirito natalizio è l’anima, il commercio mantiene viva l’attrazione: gli stand disseminati per le vie sposano la frenesia per le compere non convenzionali e quelle lastminute. Lo scenario romantico sfida il freddo più rigido: alberi luminosi e strade gremite di persone con i regali sotto braccio, canzoni natalizie suonate dalla banda, Babbo Natale improvvisati artisti per la gioia dei bimbi. I mercatini iniziano alla fine di novembre per protrarsi fino alla Vigilia. Gli artigiani espongono i loro lavori: statuette di legno, personaggi del presepe, candele, nastri e decorazioni di tutti i tipi per addobbare la casa. Si aggiungono poi i caratteristici banchi delle squisitezze gastronomiche locali e non.

Itinerari a tinte magiche Dalla Valle d’Aosta alla Campania, dal Friuli al Lazio, dalla Toscana alla Sicilia, lo stivale si è lasciato conquistare dai mercatini: oramai tour obbligato pre natalizio. Percorsi alla scoperta della tradizione e della fantasia per ogni vacanziere, viaggiatore e viandante. Ogni città e borgo storico si veste da capitale natalizia. Nel vecchio continente tanti i luoghi dal sapore affascinante. Lungo le strade di Innsbruck gli appartamenti medievali sono dedicati a ben ventiquattro favole, una fra tutte: quella di Raperonzolo che si affaccia alla finestra calando la lunga treccia bionda. Le piazze della città di Mozart, Salisburgo, sono animate dai concerti all’aperto e Vienna apre il castello di Schönbrunn e il Belvedere agli appassionati.

Federica Abozzi

WeWrite, anno I, n. 10, dicembre 2010