WeWrite

La rivista che ti ascolta

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

    Cookie Policy

    Leggi ulteriori informazioni sulla e-Privacy Directive

Home Recensioni Nuovi talenti Avantgarde is Beauty

Avantgarde is Beauty

E-mail Stampa PDF
(9 voti, media 5.00 di 5)

Gli (M+A) sono un gruppo di Forlì che mescola le atmosfere sognanti degli Shins con brevi tappeti tastieristici ambient, i cui timbri si collocano al limite della musica concreta. Su questo drone elettronico vivace, suggestivo e dolcemente accorato, che potrebbe sembrare uno Stephan Mathieu in chiave più movimentata, o per meglio dire, ritmica, pongono un paletto in là al drone elettronico più comune, cioè elevando (o abbassando) uno strumento di grandi possibilità melodiche, usato tipicamente dai solisti, al rango di tessuto ritmico portante e non semplicemente atmosferico e ambientale.

[Clicca su leggi tutto per ascoltare un loro pezzo]

In ogni caso, le percussioni propriamente dette, ovviamente digitali, non mancano. Le voci, strutturando un cantato che recupera l’innocenza perduta delle ninnananne infantili, proiettano infine l’ascoltatore oltre la distinzione sogno-realtà, tracciando un solco di bellezza post-adolescenziale, malinconica, ma ancora pura e vergine.

Il video si riferisce ad una performance live con Elena Annovi, ballerina che ben si esprime in un difficile quanto inusitato adattamento della danza a questa musica armonica e al tempo stesso d’avanguardia.

Francesco Zennaro

WeWrite, anno I, n. 10, novembre 2010