WeWrite

La rivista che ti ascolta

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

    Cookie Policy

    Leggi ulteriori informazioni sulla e-Privacy Directive

Home

Liberté, égalité, fraternité

E-mail Stampa PDF
(2 voti, media 5.00 di 5)

L. si unì alla folla perché aveva fame.
I più esagitati ostentavano fogli ciclostilati agitandoli come un cartellino rosso, i professionisti degli scioperi urlavano vecchi slogan in megafoni arrugginiti, i più giovani volevano soltanto evitare l’interrogazione su La Pioggia nel Pineto. Davanti all’entrata di Palazzo di Giustizia le guardie mantenevano i manifestanti dietro il cordone rosso.

Quando Mr. Veneratissimo si affacciò al balcone e promise l’eliminazione delle tasse sul lavoro, la folla si fece fan. A qualche donna si strappò l’elastico delle mutande dalla gioia.

In un angolo della piazza, davanti a uno sparuto gruppo di bambini che non parlavano italiano, un cantastorie raccontava in cambio di pochi spiccioli di una rivoluzione arrestatasi  alla prima panetteria incontrata sulla strada.


Ivan Libero Lino