WeWrite

La rivista che ti ascolta

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

    Cookie Policy

    Leggi ulteriori informazioni sulla e-Privacy Directive

Home Tecnologia iPad: oggetto di culto o potere del marketing?

iPad: oggetto di culto o potere del marketing?

E-mail Stampa PDF
(5 voti, media 5.00 di 5)

iPad 2Oggetto del desiderio di molti, c’è chi lo adora, chi lo vuole solo perché targato Apple, e chi lo paragona a un sasso inutile.

In dieci punti, ecco tutto quello che bisogna sapere sull’iPad, definito dallo stesso Steve Jobs “il prodotto di consumo di maggior successo mai lanciato”.


1) L’iPad, grazie al sistema operativo iOS di Apple, è il più intuitivo e facile da usare dei tablet.

2) Grazie a una vastissima gamma di applicazioni disponibili, si può personalizzare a seconda dei gusti dei proprietari. Potete scaricare Numbers, applicazione per i fogli di calcolo con oltre 250 funzioni, tastiera intelligente e grafica di grande impatto visivo.
Pages è invece un programma di scrittura come Word. Se poi volete usarle il vostro iPad come strumento di svago, avrete pane per i vostri denti: ci sono moltissime app di videogames o per vedere i film.

3) Ha un design elegante e ci sono tanti “vestiti da cambiare”. La Smart Cover è in alluminio, resistente e sottile. Una volta ripiegata funge da supporto al tablet, permettendo di tenerlo verticale o inclinato.

4) Tutto sommato costa poco: meno di un iPhone e di gran parte dei tablet (da 479 euro per la versione 16 GB solo wi-fi ai 799 della versione 3G + wi-fi da 64GB)

5) Permette di leggere e di fruire dei contenuti di tutti i giornali del mondo ed è dotato di contenuti studiati appositamente per l’iPad (video, animazioni, brani audio). La definizione dell’immagine è ottimale e il design, come in tutti i prodotti Apple, è straordinariamente curato.

6) Lo schermo si sporca molto facilmente, ma fortunatamente la luminosità mitiga il problema.

7) La versione 2  è leggera e sottile (meno di 1 cm), in grado di stare in borsa ed è quindi un oggetto che potete portare sempre con voi.

iPad 28) È una raffinata macchina “mangiatempo”: ci sono ottimi videogame che vi faranno stare incollati per ore davanti al vostro iPad, come Angry Birds e Cut the Rope (di cui sono stati creati  degli accessori e peluches ispirati alla tenerezza del personaggio in questione). Vi è poi Flipboard, un’app creativa che permette di creare un social magazine dinamico su misura del lettore: è in grado di assemblare in tempo reale le notizie di diversi siti e i contenuti condivisi dai propri amici su Facebook e Twitter, aggiornandole periodicamente. Ricordiamo infine Bloom, che vi farà creare un brano ambient senza sapere nulla di musica, sfiorando lo schermo e producendo una nota. Più in alto avviene lo sfioramento, e più alta sarà la nota. Mentre questa viene riprodotta, sullo schermo compare una circonferenza colorata che, allargandosi, ci mostra la posizione della nota sullo schermo.

9) La nuova versione 2 è due volte più potente rispetto alla prima

10) La batteria si scarica velocemente guardando film o navigando sempre su Internet, ma  mantiene comunque 10 ore di autonomia.

La tavoletta magica – I pareri sul “gioiellino” di Steve Jobs sono discordanti e sul web si è scatenato il putiferio. Se da un lato se ne tessono le lodi e l’iPad viene giudicato innovativo e rivoluzionario, dall’altro fioccano le critiche e le polemiche, sottolineandone i difetti e le mancanze. Il popolo degli scontenti prenderà il sopravvento, o alla fine l’iPad riuscirà a entrare nel cuore delle persone, così come è stato per l’iPhone? La sfida è aperta.

Sara Sirtori

WeWrite, anno II, n. 5, maggio 2011