WeWrite

La rivista che ti ascolta

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

    Cookie Policy

    Leggi ulteriori informazioni sulla e-Privacy Directive

Home Tecnologia Comunicazione sostenibile: realtà in rete

Comunicazione sostenibile: realtà in rete

E-mail Stampa PDF
(8 voti, media 4.38 di 5)

Sostenere una comunicazione, sostenere la comunicazione - La sostenibilità è un concetto che affonda le sue radici nel pragmatico gesto del sorreggere, sopportare, tenere su qualcosa o qualcuno; il suo significato oggi si ramifica andando a lambire realtà figurate, ma non per questo meno importanti o presenti, come l'economia sociale o l'equilibrio biologico di un essere vivente. Le parole e i loro significati hanno un'importanza fondamentale che non sempre si riconosce loro e questo va a vantaggio di chi li sa ben utilizzare e a svantaggio di chi, invece, non dà loro la giusta attenzione. Anche un semplice articolo può cambiare il senso si una frase, è sufficiente sostituire un articolo indeterminativo con uno determinativo per ottenere un valore completamente differente da una proposizione o da un periodo. Ancor più in italiano, lingua nella quale i termini con significato multiplo e le sfumature semantiche pullulano attribuendo a esso quel fascino che solo la difficoltà e  l'onerosità sono capaci di conferire.

Uno per tutti, tutti per uno – Dal corretto utilizzo della lingua come strumento di comunicazione deriva ineluttabilmente un corretto utilizzo della comunicazione. Ma quando la comunicazione avviene in maniera corretta o è corretta di per sé? Quando contemporaneamente è sostenibile e  presenta qualcosa di sostenibile, sarebbe l'apoteosi. Spesso accade però che il mezzo sia molto poco attento al fine, cioè si comunica qualcosa di sostenibile in modo molto poco sostenibile, senza star attenti agli sprechi e senza ottimizzare le risorse. Il contrario sarebbe comunque più auspicabile, se non cadesse nell'incoerenza intrinseca tra mittente e messaggio. Il destinatario è sempre quello che purtroppo ha meno importanza, in quanto sempre meno influente e parte in causa. Quante agenzie pubblicitarie utilizzano questo software http://www.ecofont.com/ ? Quante ne esistono come www.creuza.it? E quante come www.pooya.it e www.youneedagency.it ? A mio parere sempre troppo poche. Nella partecipazione, nella comunione, nella condivisione, nella collaborazione, nella cooperazione risiedono i segreti delle tecniche della sostenibilità, perché sia reale e vera. Anche www.wewrite.it percorre questa via impervia.

Comunicazione sostenibileForma e sostanza – Perché qualcosa sia verde non basta darle una mano di vernice. È nella mentalità, nel modo di vivere il quotidiano, nell'atteggiamento nei confronti dell'economia il fulcro del problema. Il vero risparmio è evitare di spendere, non il contrario. Assistiamo muti ogni giorno alla silenziosa estinzione delle botteghe atte alle riparazioni, calzolai, sarti, orologiai, tecnici TV e radio, dietro ci sono artigiani che giorno dopo giorno vedono annientarsi la loro attività in favore dei negozi che vendono il nuovo. Meglio buttare e ricomprare, questo il dogma subliminale.

Qui entra in gioco la pigrizia consumistica che attanaglia l'uomo moderno e pare non voler mollare la presa e in effetti non è che l'uomo tenti di divincolarsi con particolare energia.

Se solo utilizzassimo gli stessi contenitori che svuotiamo di acqua, detersivi, alimenti la quantità di plastica prodotta e da smaltire sarebbe di tonnellate inferiore alle attuali ingentissime stime che la vedono come materiale più utilizzato in assoluto.

L'energia più economica è la sinergia – L'economia propriamente detta, nella sua definizione letterale, dovrebbe essere materia di studio ed esame fin dalle scuole materne. Siamo carenti di un'educazione che ci orienti alla sostenibilità e si sa che poi recuperare è sempre più faticoso. Come metterci in testa che anche solo nel sole, per citare la fonte più evidente e chiara, potremmo trovare la forza di propulsione per milioni di automobili, il calore per innumerevoli abitazioni, tutta la luce per il buio più nero se siamo abituati a fermarci al distributore, chiamare col telefono le autocisterne cariche di caldo a litri, azionare un interruttore e illuminarci a giorno; solo in casa, l'illuminismo è altra cosa e sembra una leggenda vista con gli occhi del contemporaneo.

Informarci attraverso le reti, autonomamente e reciprocamente, per strada, su internet, dovunque sia possibile uno scambio di strumenti e sistemi che possano migliorare il nostro ambiente vitale e conseguentemente la nostra vita e noi stessi. Partecipare, senza che nessuno vinca o perda farà in modo che a vincere saremo tutti. O nessuno. Non partecipare sarà invece una sicura sconfitta.

Sandro Galanti

WeStyle n.1, febbraio 2011, supplemento a WeWrite, anno II, n. 2, febbraio 2011